News

Smart&Start modulo per le agevolazioni...

E’ stato pubblicato sul sito Invitalia il facsimile di contratto per la concessione delle agevolazioni Smart&Start Italia. Il documento è disponibile nella sezione “modulistica” con l’obiettivo di dare la possibilità alle aziende che intendono chiedere l’incentivo riservato alle start-up innovative di tutta Italia di conoscere in anticipo le informazioni che verranno richieste al momento della stipula del contratto con Invitalia. Si tratta, lo ricordiamo, delle nuove agevolazioni riservate alle start-up innovative che si applicano su tutto il territorio nazionale purché il progetto presenti caratteristiche tecnologiche e innovative, oppure sviluppi prodotti, servizi o soluzioni nel mondo dell’economia digitale, o valorizzi economicamente i risultati del sistema della ricerca. Quello che viene concesso è un mutuo senza interessi per la copertura dei costi di investimento e di gestione legati all’avvio del progetto proposto. Per le Start up del Mezzogiorno e del Cratere Sismico Aquilano è prevista anche una componente di fondo perduto, mentre per le start-up costituite da meno di un anno è previsto un servizio di tutoraggio tecnico-gestionale. A dicembre 2016 i progetti presentati erano 1291, quelli finanziati 271 (per un totale di 134.378.276 euro), i progetti non ammessi o...

Bonus Alberghi, click day in febbraio...

Il click day per il bonus alberghi 2016 è fissato per il 2 febbraio 2017 ma nel frattempo è possibile compilare la domanda, fino al 27 gennaio: vediamo con precisione il calendario delle procedure per usufruire del credito d’imposta al 30% in relazione alle spese di ristrutturazione agevolabili in base al dl 83/2014, fino a un massimo di 200mila euro, utilizzabile esclusivamente in compensazione con modello F24 da presentare tramite i servizi telematici dell’Agenzia delle Entrate. Tutte le indicazioni sulle scadenze sono pubblicate sul sito del Ministero del Turismo. La domanda per il bonus alberghi va presentata obbligatoriamente in forma telematica, utilizzando il portale dei procedimenti Mibact (è necessario effettuare l’iscrizione). I termini per la compilazione delle istanze sono partiti alle ore 10:00 di lunedì 9 gennaio e proseguono fino alle 16:00 del 27 gennaio. Il ministero precisa che l’ultimo giorno di compilazione, ovvero il 27 gennaio, non garantisce tempestiva risposta alle eventuali e-mail. Poi, il click day vero e proprio partirà alle 10:00 di giovedì 2 febbraio e si concluderà alle 16:00 del giorno dopo, venerdì 3 febbraio. A disposizione dei contribuenti ci sono due indirizzi di posta elettronica: per problemi relativi al procedimento si può scrivere a taxcreditriqualificazione@beniculturali.it per problemi tecnico-informatici è attiva la casella procedimenti@beniculturali.it Il bonus alberghi si applica a spese per manutenzione straordinaria, restauro e risanamento conservativo, ristrutturazione edilizia; eliminazione barriere architettoniche; incremento dell’efficienza energetica; acquisto di mobili e componenti d’arredo. Gli alberghi devono essere già esistenti alla data del primo gennaio 2012, ed essere compresi nelle strutture con codice ATECO 55.1. Per l’edizione 2016 non sono ammessi all’incentivo altre strutture ricettive come ostelli...

Ricorsi lavoro, la nuova procedura...

Operative dal 1° gennaio 2017 le nuove procedure per i ricorsi amministrativi proposti contro atti di accertamento in materia di lavoro: questi dovranno essere presentati entro 30 giorni dalla notifica degli atti per essere decisi entro i successivi 60 giorni. Si tratta delle modifiche normative introdotte dal D.lgs. n. 149/2015 in materia di ricorsi amministrativi avverso gli atti di accertamento in materia di lavoro e legislazione sociale e in materia contributiva e assicurativa. Tra le altre novità, anche il fatto che dal 1° gennaio 2017 non sarà più possibile esperire ricorso amministrativo contro ordinanze ingiunzioni emesse dagli Ispettorati territoriali. A fornire indicazione in merito alle modalità di presentazione e trattazione dei ricorsi è la lettera circolare n. 4/2016 dell’Ispettorato Nazionale del Lavoro, con particolare riferimento alle modifiche apportate all’articolo 16 del D.lgs. n. 124/2004 che nella sua nuova versione prevede che: “Al fine di garantire l’uniforme applicazione delle disposizioni in materia di lavoro, legislazione sociale, nonché in materia contributiva e assicurativa, nei confronti dei relativi atti di accertamento adottati dagli ufficiali e agenti di polizia giudiziaria di cui all’articolo 13, comma 7, è ammesso ricorso davanti al direttore della sede territoriale dell’Ispettorato nazionale del lavoro, entro trenta giorni dalla notifica degli stessi. Il ricorso va inoltrato alla sede territoriale competente dell’Ispettorato del lavoro ed è deciso, nel termine di sessanta giorni dal ricevimento, sulla base della documentazione prodotta dal ricorrente tempestivamente trasmessa dall’organo accertatore. Decorso inutilmente il termine previsto per la decisione il ricorso si intende respinto”. (Fonte web pmi: Lettera circolare n. 4/2016 dell’Ispettorato Nazionale del Lavoro.)...

Milleproroghe 2017 : un altro anno di SISTRI...

Il SISTRI slitta di un altro anno, confermata per tutto il 2017 la cassa integrazione straordinaria per le aree di crisi industriale complessa, proroga per un anno dei contratti nel pubblico impiego: sono fra le principali novità in materia di lavoro e previdenza contenute nel decreto Milleproroghe 2017, approvato dal Consiglio dei ministri del 29 dicembre. Partiamo dal SISTRI: il doppio binario prosegue per l’intero 2017, e slitta a fine anno anche il termine ultimo per il subentro del nuovo concessionario. In pratica, tutto rinviato, le regole 2017 restano uguali a quelle applicate nel 2016. Prorogato anche il dimezzamento delle sanzioni per non iscrizione o mancato pagamento del contributo. C’è anche una proroga fiscale, che riguarda solo il settore dell’editoria: slitta al 31 dicembre 2017 l’obbligo di tracciabilità delle vendite e delle rese della stampa quotidiana e periodica. Il credito d’imposta previsto per sostenere l’adeguamento tecnologico degli operatori della rete, distributori ed edicolanti è conseguentemente riconosciuto per gli interventi di adeguamento tecnologico sostenuti sino al 31 dicembre 2017. Per quanto riguarda i dipendenti pubblici, validi per tutto il 2017 i contratti di lavoro a tempo determinato e i contratti di collaborazione coordinata e continuativa, anche a progetto, nella pubblica amministrazione. Ci sono proroghe specifiche per i contratti a termine dei centri per l’impiego, e dei ricercatori. La concessione degli ammortizzatori nelle aree di crisi industriale complessa, segue le stesse regole applicate nel 2016: 12 mesi di cig alle imprese operanti in una delle aree di crisi elencate nella legge 13/2012, previa richiesta dell’impresa stessa e presentazione di un piano di recupero occupazionale. Infine, nel Milleproroghe 2017 ci sono una...

NUOVE ISCRIZIONI IMPRESE INDIVIDUALI – SOCIETA’ – UL...

Tutti i soggetti che chiedono l’iscrizione o l’annotazione nel Registro delle Imprese o che comunicano l’apertura di nuove unità locali sono tenuti al pagamento del diritto annuale. Considerato che i predetti adempimenti sono effettuati a seguito dell’avvio della Comunicazione Unica d’impresa e presentati con modalità telematica al Registro delle Imprese, al fine di evitare sanzioni e l’applicazione di interessi moratori per l’utenza si comunica che a partire dal giorno 1 luglio 2016 la Camera di Commercio I. A. A. di Salerno, relativamente alle pratiche telematiche di nuova iscrizione di imprese individuali, società e unità locali, procederà in fase di protocollazione all’addebito dell’importo dovuto per Diritto Annuale, salvo diniego da parte dell’utenza in fase di invio espresso nel riquadro note della pratica telematica. Nel caso in cui il fondo risulti non disponibile o insufficiente, la domanda non potrà essere sospesa e l’Ufficio del Registro delle Imprese segnalerà all’utenza l’obbligo del pagamento del diritto annuale da effettuarsi con F24 entro il termine di 30gg dalla domanda di iscrizione. Si rammenta, che in caso di mancato pagamento entro il predetto termine l’Ente procederà nelle forme di legge per il recupero dell’omesso versamento ed all’applicazione delle relative sanzioni ed interessi moratori....

Sicurezza su lavoro, il datore non è responsabile per l’operaio distratto...

Il datore di lavoro non ha un obbligo di vigilanza assoluta nei riguardi del lavoratore, ma una volta forniti tutti i mezzi idonei alla prevenzione e adempiute tutte le obbligazioni proprie della sua posizione di garanzia, egli non risponderà dell’evento derivante da una condotta imprevedibilmente colposa del lavoratore. Il principio è stato enunciato dalla Cassazione con la sentenza 8883/16, in cui si considera maggiormente la responsabilità dei lavoratori attuando il cosiddetto «principio di auto responsabilità» degli stessi. Viene così abbandonato il criterio esterno delle mansioni che «si sostituisce con il parametro della prevedibilità, intesa come dominabilità del fattore causale». La sentenza trae motivo dal ricorso proposto dall’amministratore di una società e dal responsabile del servizio di prevenzione e protezione (Rspp) della società stessa, contro la sentenza d’appello che li aveva riconosciuti colpevoli del reato di lesioni a carico di un lavoratore caduto dal tetto di un capannone. Dai fatti accertati è risultato che la sera prima dell’incidente, il lavoratore, elettricista manutentore, dipendente della società da 5 anni, si era recato per un sopralluogo, su incarico della propria azienda e accompagnato dall’amministratore della società, presso un capannone del committente dove avrebbe dovuto montare dei faretti sulle pareti esterne. In tale circostanza il lavoratore e il Rspp della committente avevano utilizzato un elevatore con braccio meccanico. A conclusione del sopralluogo il Rspp della società datrice di lavoro, informato telefonicamente del lavoro da eseguire, gli aveva detto di prendere tutte le attrezzature di lavoro e di sicurezza, con la verosimile certezza che l’operaio avrebbe operato dall’elevatore messo a disposizione dal committente. È avvenuto invece che il lavoratore, pur servendosi dell’elevatore, si era...

Assemblea Nazionale: un nuovo percorso associativo...

“Unimpresa punta a lavorare molto sul versante del welfare. L’idea è un nuovo modello di rapporto di lavoro, anche sfruttando le novità offerte dal jobs act, per rivoluzionare e soprattutto aggiornare i contratti, con più spazio agli accordi aziendali di secondo livello pur nel pieno rispetto dei fondamentali contratti collettivi nazionali che tuttavia richiedono una stagione di ammodernamento significativo Anche in quest’ottica, il vertice dell’associazione vuole aprire una stagione di confronti sia con le organizzazioni sindacali sia con le altre rappresentanze di impresa, per poter creare una cabina di regia permanente nella quale coinvolgere anche esponenti delle istituzioni con tutte le parti sociali”. Lo ha dichiarato il presidente di Unimpresa, Paolo Longobardi, nel corso dell’assemblea dell’associazione che si è svolta a Castellammare di Stabia (Napoli). Nel corso dell’assemblea, il presidente Longobardi ha tracciato un bilancio del quadriennio appena trascorso passando in rassegna i risultati raggiunti e tutti i progetti realizzati, con particolare riferimento al versante dell’internazionalizzazione. Sono stati ricordate, nel dettaglio, la costituzione del Consorzio Cise, le iniziative in Cina, l’apertura delle nuove sedi in India e Romania così come la nascita di tre importanti federazioni: “Mpmi Innovative”, “Agricoltura” e “Marmo e Macchine”. Il presidente ha poi ricordato il salto di qualità del Centro studi di Unimpresa, ormai sempre più al centro del dibattito di politica-economica e ha messo in risalto il successo di alcuni accordi sul versante del lavoro con Assossom e Job Just On Business spa. Nella relazione sono state poi menzionate le nuove sedi in Italia (Chieti, Trapani, Enna e Caltanissetta, Cosenza, Taranto, Trento, Como, Lecco, Bergamo, Varese e Brescia) e l’attività di ricerca svolta nell’ambito...
                     
                     
  Agenzia delle Entrate   Camera di commercio di Salerno   INAIL   INPS Provincia di Salerno Regione Campania